Pasqualenapolitano's Blog

Posted in Uncategorized by pasqualenapolitano on maggio 23, 2010

Il Piccolo Cinema Onirico

esperienze audio-video Oblomova,
Napoli, Via S. Sebastiano 20
oblomova.napoli@ gmail.com

“Il Piccolo Cinema Onirico” vuol’essere una rassegna in grado di riprodurre le dinamiche di fruizione
cinematografiche su artefatti di visione legati alla sperimentazione video.

Il progetto vuole associare sotto lo stesso cappello diverse modalità produttive ed estetiche dell’immagine in movimento, raggruppandole per suggestioni tematiche.

Buona parte di questi lavori non sono mai stati presentati in Italia all’interno di un circuito retrospettivo: video-art,
documentario, live cinema, video-tape, sono tutte forme parallele ed estranee all’industria cinematografica
mainstream, e che proprio per questo possiedono una carica visiva decisamente alternativa, così come il discorso assolutamente peculiare relativo ai tempi ed alle durate.

Ogni tappa di questa multiforme programmazione ha un tema preciso, e non si esaurisce in nessun caso in un solo prodotto audiovisivo: la forza del progetto sta proprio nell’accostamento evocativo diprodotti ed autori provenienti da stili e periodi storici differenti, in una sorta di orchestrazione multimodale.

Nonostante ciò la fruizione sarà sempre omogenea ed unitaria, anche grazie al fatto che la durata complessiva di ogni serata non supererà mai gli 80 minuti.

Forme brevi e forme più strutturate dell’immagine in movimento dialogheranno a viso aperto.

Allo stesso modo, giovani (ma già dall’ottimo livelloqualitativo) artisti e collettivi campani, tra cui Mald’è, SoundBarrier_, 3DM Crew, DDM & Pugliese, MakineF, Nicola Guarino, Saverio Pesapane, Kyklops,
Marco Giani, Pierpaolo Patti, Stefano Cormino
ed altri ancora, sonochiamati a mostrare i propri lavori, presentandoli al pubblico, senza esimersi
dal confronto.

Così, la sala superiore del glorioso spazio Oblomova, si trasformerà tutti i giovedì, a partire dal 21 di gennaio, in una piccola sala cinematografica di non più di trenta posti.

I curatori:
Pasquale Napolitano
Fabio Merenda
Francesco Maria Quarto

Posted in Uncategorized by pasqualenapolitano on maggio 23, 2010

Caggiano al Quadrato  5 Gennaio 2010

Posted in Uncategorized by pasqualenapolitano on maggio 23, 2010
Le Mal D’archive – La Chanson De Mai ***/
Decisamente allettante è la proposta sonora dei napoletani Le Mal D’Archive, progetto gravitante attorno a Pasquale Napolitano e Felice Acierno: loro folle proposito è intersecare musica elettronica glitch/sperimentale da un lato e chanson tradizionale di matrice battistiana dall’altro, cavandosela con una certa classe. Avremo dunque dolci melodie di chitarra acustica e voce disturbate da sottili clips à la Alva Noto, sax preparati e noise a bassa fedeltà, che destrutturano la canzone cantautorale classica in un unico magma sonoro indistinto e urticante, probabilmente ostico ma di sicuro fascino. Fabio Gasparini

Posted in Uncategorized by pasqualenapolitano on maggio 23, 2010
Weltraum – Sy (Toxo, 2009) PDF Print E-mail
Written by Andrea Ferraris
Sunday, 29 November 2009
weltraum_______________copertinaOra, io credo di essere parecchio snob per ciò che concerne la musica e per nulla preda di facili entusiasmi: quindi, se con questa puntualità mi capita di rimanere colpito da materiali italioti, forse e ripeto forse il livello musicale e produttivo sta diventando parecchio valido? Non saprei dire per ciò che concerne rock e dintorni, ma sulla sperimentazione direi che la cosa è confermata da più indizi. Se anche non conosceste i Weltraum a più riprese parlando degli A Spirale abbiamo menzionato quel SEC_ che è direttamente coinvolto in molte delle loro recenti collaborazioni, a partire dal mastering e dal mixaggio del loro ultimo disco cosa che ha fatto passare le produzioni dei partenopei ad un livello veramente notevole. Credo che il gruppo sia partito come una sorta di formazione shoe-gaze o qualcosa del genere, ma la mutazione è a dir poco stupefacente, infatti ora ci si trova di fronte ad un trio (batteria, synth-electronics, chitarra) che sta in bilico fra primi Einstürzende Neubauten, post-punk completamente demolito e abbozzi di avant-rock/noise-industrial-tribale. Un disco astratto, poco melodico, per nulla acerbo e molto cupo, alla faccia della tradizione che vuole i napoletani come gente solare (non per nulla i Contropotere e gli Underage dimostrano il contrario): no-wave e industriale a piene mani, da un minuto all’altro mi aspettavo di sentire la voce di Arto Lindsay oppure quella di Blixa, soprattutto il primo dei due visto che in certi passaggi i Weltraum mi hanno ricordato parecchio i DNA dei tempi andati (a male), ma la voce non c’è… e sentendo le tracce mi sembra anche piuttosto evidente che non serva. Rispetto alla versione demo che avevo sentito del disco, la versione ufficiale contine una traccia in più ed una grafica digipack di ottima fattura che fa ben sperare per la neonata Toxo records. Gran bel gruppo, da tenere d’occhio.



Posted in Uncategorized by pasqualenapolitano on maggio 23, 2010

ESTETICA E COMPUTAZIONE:
DALLE ORIGINI DELL’ARTE GENERATIVA

Txt: Pasquale Napolitano

Dalla manipolazione e dalla configurazione delle forme visuali, il progettista sposta dunque la sua attenzione dai meccanismi sottostanti ai modi della loro visualizzazione. Tali forme trovano nello schermo elettronico il loro luogo di manifestazione specifico. Ma se la creazione dei sistemi e la loro implementazione diviene il focus del progetto generativo, assegnando all’immagine il ruolo di “risultato” del processo formativo insito nel sistema stesso, ciò non significa però declassare il piano visivo e considerarlo come semplice display materiale di un processo immateriale: anzi, è proprio la precisa articolazione del piano della costruzione del sistema con quello della gestione di determinati effetti visivi a determinare il campo d’azione di quello che possiamo definire visualdesign generativo.

http://www.digicult.it/digimag/article.asp?id=1666

Posted in Uncategorized by pasqualenapolitano on maggio 23, 2010

Dente + Le Mal d’Archive – 6 Dicembre 2009

Posted in Uncategorized by pasqualenapolitano on maggio 23, 2010

Intervista a Chiara Guidi – Eruzioni Festival 2009

La IV edizione di Eruzioni Festival – Independent Performing Art, diretta da Agostino Riitano e svoltasi al MAV – Museo Archeologico Virtuale di Ercolano dal 14 al 20 settembre 2009 ha ospitato la la Socìetas Raffaello Sanzio per la prima rappresentazione in Campania di “Flatlandia”, lettura drammatica e musicale di e con Chiara Guidi. Il lavoro è tratto dal racconto fantastico a più dimensioni, pubblicato anonimamente nel 1882, scritto da Edwin Abbott e tradotto da Masolino D’Amico. In quell’occasione Pasquale Napolitano ha intervistato Chiara Guidi per radiopan.

Intervista a Chiara Guidi - Eruzioni Festival 2009 chiara guidi

ascolta…

Posted in Uncategorized by pasqualenapolitano on maggio 23, 2010

Concorso Artistico – Design your tradition

L’Associazione M.A.I.O. lancia un concorso artistico sul tema della valorizzazione delle tradizioni locali aperto a tutti i fotografi, disegnatori, artisti, professionisti e non, senza limiti di età.

CONCEPT

Il presente concorso artistico ha come obiettivo principale quello di stimolare una ’interpretazione originale e personale delle tradizioni locali.

Di grande importanza è quindi la ri-considerazione della tradizione locale come memoria storica, e come premessa per la valorizzazione del territorio. E’ proprio nello sviluppo di queste naturali potenzialità che nasce l’idea di avviare un processo di recupero storico-identitario del territorio attraverso le nuove forme di cultura audio-visiva e artistica.

Il concorso artistico cerca quindi uno sguardo realistico e critico che possa offrire un’interpretazione originale delle tradizioni locali.

L’idea del concorso artistico e’ collegata alla festa del Maio di Baiano (Av), manifestazione folkloristica che, il 25 dicembre di ogni anno,  ravviva il comprensorio Baianese della bassa Irpinia. Focus del rito, l’albero del Maio, simbolo di fertilità e rinascita, viene reciso e acclamato per le strade cittadine, accompagnato dalla popolazione con canti spari a salve.

Il bando vuole quindi individuare tradizioni locali simili a quelle della Festa del Maio, raccontate con i linguaggi dell’arte, in modo da fornirne una chiave di lettura “altra”; cercando di estrarre un punto di vista plurale, teso ai diversi linguaggi della contemporaneità, sottolineando anche e soprattutto continuità e discontinuità in rapporto alla tradizione ed al passato.

MODALITA’ DI PARTECIPAZIONE

La partecipazione alla prima edizione del Concorso artistico Design your tradition è gratuita e prevede 2 categorie:

 SCUOLE: Secondarie di I grado e Secondarie di II grado della provincia di Avellino.

 GIOVANI ARTISTI: Tutti gli artisti professionisti e non, e in generale tutti gli operatori delle professioni dell’immagine e della creatività – artisti visivi, artisti plastici, videomaker, fotografi, grafici – di età inferiore ai 35 anni.

– Per la categoria “Giovani Artisti”, ogni lavoro potrà essere presentato:

 da un gruppo, un network o un collettivo artistico;

 da un singolo partecipante;

 da enti o associazioni di promozione artistica e territoriale.


Ogni concorrente potrà presentare un massimo di 2 elaborati artistici. Di qualsiasi tecnica e fattura: pittura, arti plastiche, fotografia, elaborazioni grafiche, video, illustrazione, fumetto.

– Gli elaborati potranno essere inviati esclusivamente in digitale, inviando una e-mail all’indirizzo concorso@maioproject.org, la mail dovrà contenere in intestazione il nome dell’artista, ed all’interno del corpo della mail dovranno essere specificati: nome e cognome dell’artista, nome dell’elaborato, tecnica e dimensioni dell’elaborato. In allegato, oltre all’opera presentata ed alla domanda di adesione, sarà necessario allegare una breve nota biografica (max.1000 battute) ed una breve sinossi dell’opera (max. 1000 battute). I files contenenti gli elaborati digitali dovranno essere ad alta risoluzione – per le immagini: 300 dpi nei formati jpeg o tiff di almeno 2048×1536 pixel – nel caso di video, due o più frames significativi dell’opera in jpeg o tiff, il video sarà poi inviato a parte in download da server (RapidShare, o altri). Il peso totale dell’allegato mail non dovrà comunque superare i 6 MB.


DEADLINE

Gli elaborati artistici, per entrambe le versioni, dovranno pervenire entro il 10 dicembre 2009 – per gli elaborati inviati via posta, farà fede il timbro postale.

GIURIA

Una giuria di esperti formata da personalità artistiche di chiara fama, da operatori culturali, curatori e critici d’arte, oltre che una rappresentanza del collettivo M.A.I.O., selezionerà le opere vincitrici in base ai seguenti parametri:

–          Aderenza dell’opera al tema del concorso;

–          Originalità e quoziente estetico dell’opera.

PREMI

Per ciascuna delle categorie, verranno premiati i migliori tre elaborati. Il premio consiste nella pubblicazione degli elaborati vincitori all’interno dell’edizione del progetto M.A.I.O. 2009 sul booklet e il DVD prodotti in 500 copie numerate. Agli artisti vincitori andranno 5 copie del dvd e del booklet.

La premiazione ufficiale del Concorso si terrà LUNEDI 21 DICEMBRE 2009 presso il Centro Culturale Samantha Della Porta, Avellino, Via Nicolodi Aurelio, 1, in occasione della presentazione del progetto M.A.I.O. 2009.

Le immagini selezionate saranno utilizzate per la realizzazione di una mostra fotografica itinerante a cura dell’associazione M.A.I.O., in Belgio, Romania e Tunisia, nell’ambito del progetto di scambio artistico ed interculturale da cui il progetto M.A.I.O. nasce.

INFORMAZIONI

http://www.maioproject.org

concorso@maioproject.org

Posted in Uncategorized by pasqualenapolitano on maggio 23, 2010

locandina periferiche

Posted in Uncategorized by pasqualenapolitano on maggio 23, 2010

Trauma urban connections

Studentski Kulturni Centar

Kralja Milana 48

11000  Belgrado Serbia

16 – 17 Ottobre 2009

“Trauma, connessioni urbane” è un percorso di promozione della scena artistica indipendente napoletana che si tiene  la città di Belgrado il 16 e 17 ottobre presso lo Studentski Kulturni Centar, e costituisce un primo momento d’incontro tra le due città, in vista di un appuntamento più grande e decisivo a maggio 2010.

·   Exhibition

·   Video art

·   Sound Sculture

sono i segmenti del contemporaneo presentati nella prestigiosa sede balcanica.

I temi che le opere selezionate affrontano sono legati al Trauma, lemma comune al serbo e all’italiano inteso in ogni sua forma fisica, sociale, storica, geografica ed urbanistica.  Il Trauma investe diversi aspetti della vita delle due città, delle relazioni tra gli abitanti, delle aree urbane e non, che sono luoghi di stratificazioni sociali ed economiche. Gli occhi sono quelli delle due città, Napoli e Belgrado. Gli artisti napoletani osservano e registrano la loro realtà, quelli di Belgrado la recepiscono filtrandola con il loro sguardo. Si crea un ponte ideale tra le due culture. L’idea di fondo è di realizzare attraverso l’arte un momento di crescita territoriale, nonché di aggregazione relazionale, nell’ottica di contribuire a costruire la “cittadinanza europea”.

Le opere in mostra vanno dalle “Di-Visioni” grafiche di Pasquale Napolitano che rappresentano Napoli come una realtà scissa, multiforme e multidimensionale, ai video dal forte impatto sinestetico del duo Daniela Di Maro (DDM) & Roberto Pugliese e del collettivo SoundBarrier_, alle video-deterritorializzazioni di Nicola Guarino, alle ambientazioni sonore dei Le Mal d’Archive al servizio della phonè di Carmine De Falco, degli Asp/Sec e del duo poetico-multimediale composto da Framedada e Machina Nefastis. Tutte esperienze ai bordi dei circuiti ufficiali, ma perfette rappresentanti di un fare artistico perturbato dai mutamenti della contemporaneità.

La due giorni ottobrina è una preview della grande kermesse che si terrà a maggio 2010, in cui per un’intera settimana, l’arte visiva, il cinema, la musica live, la new media art napoletana invaderà gli splendidi spazi dell’SKC.

L’evento si realizza grazie alla proficua collaborazione tra lo Studentski Kulturni Centar di Belgrado e l’ Associazione culturale Componibile 62.

Componibile 62 è un’associazione nata a Napoli nel gennaio 2008 finalizzata alla diffusione e partecipazione all’arte, alla comunicazione visiva, alla progettazione e organizzazione di eventi culturali, con una spiccata attitudine nazionale e trans-nazionale. Componibile62 ha promosso eventi a Milano, Napoli, Chieti e ha partecipato alla Biennale d’arte contemporanea a Liverpool.

Studentski Kulturni Centar è il piu’ importante Centro culturale studentesco della Serbia, esistente fin dagli anni ’70 come network di produzione creativa e scambio per la promozione di culture emergenti.

Giuseppe Ivan Candela

Unita’ Tecnica Locale – Ambasciata Italiana a Belgrado

Kneza Milosa 56/II, 11000 Belgrado – Serbia

Mob: +381 (0 )65 666 72 52

Tel: +381 (0) 11 362 93 49

Gabrjiel Savic Ra

Coordinatore Studentski Kulturni Centar

Kralja Milana 48 11000 Belgrado Serbia

Mob: +381 (0) 621796692

Tel: +381 (0) 11 360 20 09

Componibile 62

Napoli, Via Tasso 194, 80127 Napoli – Italia
Press Office: press@componibile62.org
Newsgroup: componibile62@googlegroups.com

www.componibile62.org